Maggio, batte il cuore della pace

Da Loppiano a Verona, note di fraternità

ultimo aggiornamento 28/05/2017 17:36:18
2017 05 28 Primo Maggio Loppiano 01


A Loppiano la cornice della quarantacinquesima edizione del Primo maggio è il verde brillante della conca naturale adibita ad anfiteatro. Il quadro, coloratissimo, sono gli oltre 3500 giovani di tutta Italia e di varie parti d’Europa, e noi insieme a loro, venuti a sperimentare e testimoniare che la pace è possibile. È questo l’intento di Pulse, l’evento di quest’anno.
 
Tra le presenze più significative Giusi Nicolini, sindaco di Lampedusa e premio UNESCO per la Pace 2017, diversi imam assieme ai giovani delle Comunità Islamiche d’Italia, artisti come i cantanti italiani Amara e Paolo Vallesi.
Tutti “accordati” dal motto “se vuoi portare la pace, cambia il tuo cuore e cambierai il mondo”.
 
Contribuiamo al mosaico comune con i nostri canti, sottolineando che nessuno è straniero per me (On the Other Side) e proponendo a tutti di “alzare il volume dell’Unità” (Turn it Up). Idea forte che ha preso volto grazie a una coreografia creata per l’occasione e ballata insieme a giovani dei cinque continenti.
 
E se dalle colline di Loppiano al Palazzo della Gran Guardia, a due passi dall’Arena di Verona, cambia la cornice, il quadro rimane lo stesso: una sala gremita ci accoglie per il concerto On the Other Side, e anche qui palco e platea (800 persone) vibrano insieme sintonizzati sulle note della fraternità.